Benvenuti nel nostro blog!

Vogliamo condividere con Te le nostre "storie di ordinaria quotidianità" Dedichiamo questo spazio a tutti gli "scacchisti per passione" a coloro che senza essere dei campioni mondiali o scacchisti di professione nutrono ugualmente una passione sfrenata per questa disciplina, ai nostri amici dei piccoli circoli con i quali ci divertiamo tantissimo, alle loro famiglie e a chi pur non giocando semplicemente ama questo nobil giuoco...

giovedì 30 dicembre 2010

Il misterioso caso del cavalluccio scomparso...


... il Natale se n'è andato, in giardino c'è ancora la neve che ha coperto gran parte delle piante e alberelli facendoli sembrare cosparsi di zucchero a velo. Dentro tutto sembra a posto  l'ambiente natalizio è rimasto imprigionato dentro casa, grazie anche alla presenza dell'abete addobbato con i più bei colori della tradizione, solo un sottile strato di polvere si è formato sui mobili opacizzando
 l'oscuro legno.
 Le briciole sul pavimento, i carciofi e le altre  verdure marce in frigo testimoniano che la padrona di casa giace ancora per metà impossibilitata a muoversi , un maldestro sforzo potrebbe portarla ad avere una emorraggia post operatoria.
Tutti se ne sono andati,  lo scacchista ha ripreso la sua quotidianità tornando per un paio di giorni al suo duro lavoro prima delle vacanze di capodanno. La figlia dello scacchista quasi diciottenne è partita il giorno dopo del Natale per la sua prima vacanza "quasi" indipendente.
( A loro insaputa il caro consuocero Luciano ha istallato
 delle telecamere di videosorveglianza) per tenerle sempre d'occhio... Scherzo!? .
 Pare che gli sciatori di Sondrio e dintorni da quel giorno abbiano cominciato a preoccuparsi: Riccardo, Francia e la sua migliore amica Veronica gireranno per le piste di Madesimo!
I ragazzi si divertono molto a sciare ma questa volta saranno chiamati anche a cucinare. Francia è una esperta a preparare la carbonara (piatto tipico dei single e delle novelle coppie), Riccardo invece  è l'attizzatore ufficiale del fuoco, garantendo il bel calducio del camino sempre accesso. Adesso non resta che attendere l'arrivo di Federico (il fratello minore di Ricky) che si unirà a loro in questi giorni e il quadretto è completato...
Ma mentre la convalescente dal suo letto cerca d'immaginare questi ragazzi a cavarsela da soli, nella piccola dimora inzaghese si aggira una impetuosa presenza....
In salotto si sentono cadere gli oggetti , struscichio di tappeti, graffiamenti sui vetri,
 qualcosa di strano accade e si intuisce che di là c'e qualcuno...
... chi sarà  il responsabile dei misteriosi rumori ?

è soltanto Brandy !  intento a mangiucchiare l'albero!

  Ma sono altri, invece, i fatti ben più gravi successi nella casa in questione che ci preoccupano oggi, forse seguendo la scia degli strani rumori riusciremo a risolvere l'agghiacciante caso di cui vogliamo parlare e al quale ci riconduce per similitudine questa pista. Non rimane che chiarire il giallo del fattaccio compiuto in seguito a danni del nobil giuoco:
Cominciamo propio da lui
... dove si trovava il suddetto individuo nel momento in cui accaddero i fatti?

era in compagnia della sua padrona a fare yoga?
no, l'alibi non regge, la padrona era già partita per la montagna.



... il sospettato dormiva secondo questa fotografia, che però non è compatibile
con la data dell' accaduto


Quando il cavalluccio scompare
...  testimoni dichiarano di averlo visto fuori a prendere il sole.
(Verrano accusati di falsa testimonianza data la stagione invernale)


l'accusato si presume innocente
Mangia solamente cibo di prima qualità come l'abete fresco di natale, morbidi elastici per capelli, crackers che trova in giro per la cucina ( che lo aiutano a mantenere la linea), fili dei tappeti (in mancanza di pasta fresca), avanzi di pandoro (per contribuire all'economia di casa) e a volte i croccantini, che però divide con suo fratello Tom Micio, che ogni tanto viene a trovarlo.

è innocente!? 
quel giorno sembra abbia giocato a lungo a fare lotta con suo fratello...
Ma con la verifica delle azioni, l'accusa prende forza:

Tom Micio
il fratello del presunto colpevole della esparizione, ritenuto responsabile
 di canibalismo a danni del pregiato pezzo ,
 verrà accusato posteriormente per di favoreggiamento, partecipazione
 e occultamento di prove

Ma prima del verdetto finale vediamo la espressione testuale 
dello scacchista all'accorgersi del fatto e nel costituirsi parte lesa:

"Noo! alla mia scacchierina manca il cavalluccio "
 pronunciando la sua frase preferita:"DOV' E' ?"

Bisogna dire che inizialmente fu la moglie la prima principale sospettata della misteriosa sparizione, dato che è solita scherzare togliendo i pezzi dalla scacchiera al marito o cambiando la loro posizione per vedere se se ne accorge. Questa ipotesi di reato fu subito accantonata date le difficili condizioni di salute che gli impediscono di deambulare normalmente. Gli inquirenti hanno escluso anche la pista della figlia dello scacchista che nonostante il suo poco profondo amore per gli scacchi che poteva essere un buon movente, quel giorno era già partita per le ferie in montagna.


... Beh non  ci sono dubbi, le prove sono inconfutabili
 è lui il colpevole.
 meno male il  difficile caso è risolto !


Nel luogo del delitto non rimane che cercare di fare a meno
 del pezzo mancante che è stato inmediatamente sostituito
 della padrona di casa con un'altro poco simile.
Sembra che il movente della inaudita vicenda
 sia stato un improvviso attacco di fame di cui soffre l'accusato
 che oggi si trova ai domiciliari in regime di libertà vigilata.



l'accusato  può ricevere visite di suo fratello ed è stato premiato con una doppia razione
 di croccantini per  atti recenti di buona condotta

Nonostante tutte le marachelle, (Brandy è veramente una peste), sono grata di avere il nostro caro micino vicino a noi. Sono stata poco bene dopo l'intervento che diventò meno semplice di quello che ci aspettavamo, la mia guarigione sarà molto lenta perché la ferita dovrà rimarginarsi da sola senza l'aiuto di punti di sutura o antibiotici. E quando la sola tachipirina non bastava e il dolore dentro era così lacerante da strapparmi i lamenti,  Brandy venne accanto a me per consolare le mie lacrime, miagolando e tendendomi la zampetta, quasi chiedendo di potermi aiutare.
Sono veramente colpita dal suo amore per noi.
E' per questo che Brandy fa parte della nostra Famiglia, nonostante i diversi episodi di malefatte.


martedì 21 dicembre 2010

"imprevisti di gioco"


Per fortuna sono tornata a casa!  anche se non mi sento ancora bene e fuori c'è la neve sono contenta che l'intervento sia andato bene. Domani dovrò tornare in ospedale e potrò ringraziare il dottore che al momento delle mie dimissioni non c'era.
 La vita è piena di grandi risvolti, delle volte è come trovarsi nel mediogioco dove a un certo punto sembra che tutto stia andando per il meglio, siamo contenti di poter vincere, ma all' improvviso abbiamo paura di perdere quel  pedoncino che venne inevitabilmente attaccato. Sono grata alla mia famiglia che mi ha sostenuto e mi ha aiutato a guadagnare la prossima traversa, sono grata di avere accanto tante pedine che mi sostengono e fanno di tutto per aiutarmi a superare con gioia "l'inaspettata offensiva".

Per ora non mi posso muovere troppo, ma sto pensando che anche quest'anno mi piacerebbe tanto assistere al Torneo Storico di Reggio Emilia ...



 in 64 caselle (cio' che vedo dal mio letto)



in 64 caselle (schizzo a matita)

domenica 19 dicembre 2010

la vita è bella!

io all'Ospedale di Monza

Ve  l'ho detto, questo mese è stato un mese pieno di cose importanti, avrei tanto da raccontarvi ma propio non sono in vena....ha,ha,ha!


oh albero, oh albero, albero di Natale!



il vecchio presepino

Questo mese è stato un mese pieno di belle cose!
Abbiamo dedicato tanto tempo alla famiglia, ai ragazzi e al divertimento. Tornati alla quotidianità, Francia ha pensato subito al Natale. Bisognava spolverare le vecchie scatole abbandonate in cantina, trovare le figurine per allestire il  presepe e procurarsi un bel albero da addobbare. 
Così sabato mattina siamo andati alla ricerca di un bel abete da sistemare in casa:


la scelta non fu difficile, abbiamo preso il più bello!



secondo il nostro rito natalizio Massimo inizia col mettere le luci
 per primo, dopo di che continua a dirci: ma questa dove va?
Questa è una operazione difficilissima non stiamo mica a giocare agli scacchi!



...largo agli esperti!
 per fortuna che la bambina ce la mette tutta!



 col suo aiuto siamo arrivati all'ultimo passo: la sistemazione della punta



ecco fatto!
tempo di finire l'allestimento e la Francia è già pronta per andarsene...


eh si, Francia non è più la piccolina di 5 anni....

Il Natale però è sempre un periodo molto speciale,
dove tutti noi possiamo tornare un po' bambini facendoci trascinare dalla gioia delle tradizioni e di tutto il colore che porta la celebrazione della nascita del Salvatore. Mi piace festeggiare la venuta al mondo di colui che avrebbe cambiato i destini della Umanità e della mia vita stessa.
  Adoro il Natale che mi permette di vedere quella gioia nel viso di nostra figlia, contenta di avere un'albero dove poter trovare i suoi regali ...
auguro a tutti voi di poter trovare il vero spirito del Natale!
Belle cose cari amici

martedì 14 dicembre 2010

amici e scacchi




 i nostri cari amici Mario, Ambrogio, Alfonso, Walter, David, Giuliana,
 Pedròn, Angelo e Pietro (arrivato dopo)
cin-cin !

Prima di partire per una settimana davvero bianca (c'era neve dappertutto!!) non potevamo non passare dal Masascacchi. Il venerdi sera i ragazzi ci aspettavano per farci festa!
E' incredibile come erano contentissimi del nostro matrimonio, il giorno prima della ceremonia abbiamo avuto i loro fiori che hanno profumato delicatamente la nostra casa, al mattino seguente il messaggio "scacco matto" ci ricordava quanto siamo legati al circolo.
In quella sera potevo sentire la loro sincera allegria e per questo sono molto grata di averli come amici. E' così che quel brindisi  mi ha riempito di tanta felicità. Siamo stati veramente bene, le paste e le pizzette erano buonissime, il regalo semplicemente graditissimo. Ci ha fatto molto piacere condividere questi momenti e finire la serata in bellezza chiaccherando dei traguardi raggiunti durante il torneo della Mongolfiera, organizzato dal circolo di Carugate, al quale i "ragazzi" hanno partecipato durante il weekend.



l'analisi delle partite

Tutto questo è veramente speciale se ci penso, è solo grazie agli scacchi che abbiamo il privilegio di amicizie così belle ed eccezionali. Non dimenticherò mai i loro auguri e i loro pensieri, sono davvero unici!
La seguente frase fa parte della dedica di Alfonso e Nicoletta e che trascrivo perche mi sembra bellissima e piena di significato:

" Massimo e Carla tra voi saranno partite di scacchi che finirano sempre
 patta, perche nel matrimonio non è importante vincere
 ma importante è partecipare uniti per la vita"



lunedì 13 dicembre 2010

una emozionante partita



L'inverno è decisamente arrivato, ci sono tantissimi tornei in corso e noi siamo ancora a festeggiare il nostro matrimonio!!
Beh, sono molto felice che il giorno prima della cerimonia abbia nevicato, il paesaggio quel giorno era semplicemente sublime e il sole splendeva come non mai.
Mentre mi preparavo pensavo a Massimo: avrebbe preferito essere al torneo di Recco?

io pronta per il si!


... assalita dall'infame pensiero ho deciso che era meglio sbrigarsi !, la piccola Francia mi aspettava ansiosa:



(bacino di incoraggiamento)



 guardate che io non volevo, ma il nostro amico Maurizio mi costringeva ad andare
...e veloce (bugia)




... ma forse ne valeva la pena! (scherzetto!)

Prima di proseguire a raccontarvi questa emozionante mia vicenda, vi dò un consiglio utile per la buona riuscita del vostro matrimonio: non fidatevi mai degli amici che si spacciano per fotografi, il rischio è grosso:


 sono pronta a pestare l'uva... grazie Maurizioooo!



beviamo per dimenticare...



e stato decisamente un giorno importante:  Riccardo compie 18 anni !!



in questa foto vedete solo bravi ragazzi



in questa, le migliori amiche



i migliori amici



i prossimi... sotto a chi tocca!



a voi ancora no.



noi e i nostri cari: la nonna, la Vivi e Lele



con la famiglia De Vecchi: Luciano, Daniela, Federico e Riccardo



con i nostri grandi amici: Alessandro, Elena e Federica




con i nostri amici di sempre: Maurizio,Vicky e Roxi
salud!



noi con i testimoni: Mauro, Sabrina e Dadi



noi tornati a casa


Non pensavo che sposarsi sarebbe stato cosi bello, vi confesso che temevo che avrei pianto tutto il tempo!
Stare con le persone che ci vogliono bene mi ha regalato tanta serenità in quel giorno e Massimo era cosi contento...
Alla fine la serata è stata tanto intensa e piena di emozioni, quasi meglio di un torneo di scacchi!






domenica 28 novembre 2010

check mate on love




Tutti questi anni sono stati una intensa, divertentissima e appassionante partita...

grazie del tuo amore!


Carla

martedì 23 novembre 2010

lunedì 22 novembre 2010

chess player's wine


 Vigneti Pedine (etichetta)
"Scegliere il giusto vigneto che produce la più alta espressione di una particolare varietà è la chiave per fare un grande vino. L'azienda vincola Chessman sceglie le migliori varietà da specifici vitigni per garantire che ogni bottiglia sia una mossa vincente".

Sembra che il cognome Chessman, molto diffuso negli Stati Uniti, abbia orgine nell'Inghilterra Medioevale essendo una variante di spelling di Cheeseman ossia "l'uomo del formaggio"  quindi è un cognome che descrive un mestiere, colui che fa o vende il formaggio.
 A parte il significato etimologico della parola (Chessman= pezzi degli scacchi) la sua origine non porta in realtà a un legame diretto con la storia degli scacchi. L'azienda vinicola Californiana ha pensato bene a legare questo cognome al gioco ottenendo cosi una elegantissima metafora dei risultati ottenuti dalla propria impresa.
Sono sicura che molti di voi sareste entusiasti di assaggiare un così particolare vino, vista la attinenza al gioco. Altri magari preferiranno restare fedeli alle proprie radici predileggendo i prestigiosi vini di origine italiana DOC.
Qualunque sia la scelta tenete conto che da una decina di anni la Federazione Italiana di Scacchi (FSI) è entrata a far parte del CONI. Così essendo diventato uno sport a tutti gli effetti  viene regolamentato anche da nuove normative che riguardano l'uso di sostanze dopanti, fra cui l'alcool.
Secondo la FIDE l'uso di sostanze stupefacenti viola il codice etico dello sport, che dovrebbe essere praticato per il bene del corpo e dello spirito. (Vai a dirlo al nostro caro amico Sergio che proprio per il bene del corpo e dello spirito trinca grappa a volontà !). E' per questo che dopo il  tanto discusso doping informatico sono stati eseguiti anche alcuni test antidoping per scoprire l'uso di sostanze proibite su giocatori di scacchi!
Dicono alcuni che due tazze di caffè bastarebbero per dar per spacciato uno scacchista, facendolo passare per un pericoloso tossicodipendente!
Quindi anche se magari vi risulta difficile rinunciare al piacere di un bel bicchiere di vino durante la pausa pranzo, sarà meglio rimandare alla fine di ogni torneo questo curioso suggerimento enologico, magari da provare dopo, e solo dopo, la fine di una vittoriosa gara.



domenica 21 novembre 2010

Chess Pie


Gli scacchi come sappiamo sono uno sport la cui pratica richiede una adeguata forma fisica e mentale.  Il mangiare correttamente prima di affrontare un torneo può aiutare a migliorare la performance di un giocatore. 
Gli esperti in nutrizione raccomandano in questi casi una dieta ricca di proteine e carboidrati che contribuisca a mantenere un alto grado di energie. Queste sostanze possono essere acquisite mediante il consumo di frutta, verdura, patate e riso e di alimenti come uova, pesce, pollo, frutta a guscio, latte e soia. E' meglio in tutti i casi evitare cibi fritti e ricchi di grassi giacchè la loro digestione richiede una grande quantità di energia, rendendo impossibile la concentrazione.
E' importante sottolineare che non mangiare a sufficienza è anche una cattiva pratica: semplicemente è impossibile rimanere concentrati quando si ha fame!
Massimo solitamente non mangia mai prima di un torneo, sarà per questo che ogni tanto va così cosi male?!
Assumere cibi prima e durante un torneo dipende molto dall'equilibrio e le esigenze particolari di ogni individuo.
Ci sono tanti spuntini sani che si possono assumere fra una partita a scacchi e l'altra:  noci, formaggio, bastoncini di carote (squisiti!), tramezzini al tonno (ricco di proteine) mele o banane, tra altri possono andare a meraviglia.
Ma non dimentichiamoci che anche gli zuccheri possono fornire una immediata dose d'energia, essendo una ottima soluzione anche per mantenere il buon umore! (questo lo dico io).
 Il nostro caro giocatore di casa si  è sempre rifiutato di modificare le sue vecchie abitudini scacchistiche
 pre -gara, restando a stomaco vuoto fino alla fine del primo turno, ma penso che una deliziosa fetta di torta come questa gli farebbe decisamente cambiare idea:

 hmmm! ...é la torta al limone di scacchi!!!

La "Torta di Scacchi" esiste davvero: è un dolcissimo dessert caratteristico
della cucina del Sud degli Stati Uniti.
Il termine "Chess Pie"  a quanto pare, non ha nessuna relazione con il gioco degli scacchi  (ma questo non importa perche sembra buona ugualmente!). Molti sostengono che la sua origine deriva dalla somiglianza con un formaggio (cheese) simile alla torta per consistenza. Altri dicono che il nome deriva di Chester, città dell'Ingilterra di dove pare sia originaria.
Secondo lo scrittore gastronomico e critico alimentare John Egerton di Nashville che ha cercato di tracciarne le radici, questa ha le sue origini nelle regioni meridionali degli Stati Uniti. Identificata completamente con la cucina di quelle zone, è un cibo di consumo quotidiano in quelle regioni e nelle città di confine di Baltimore, Louisville, St Louis e Washinton DC. L'origine della ricetta è molto contesa; addirittura ne esistono più di tre versioni riconosciute con decina di varianti, una di queste proveniente dall'Inghilterra.


Si tratta comunque di una torta al formaggio, un dolce facile ed economico dal sapore casalingo che fa parte dalla tradizione americana. Per oltre 30 anni  è stata la specialità della casa del famoso Ristorante Art Museum di ST Louis, USA.
 Ma se siete curiosi di assaggiarla non è necessario che andiate fin là. Ecco a voi la ricetta con la variante al limone che spero possa soddisfare il palato di qualche goloso scacchista :

Lemon Chess Pie
2 c. sugar
4 large eggs
1 tbsp. each, flour and corn meal
1/4 c. milk
1/4 c. butter, melted and slightly cooled
1/4 c. freshly squeezed lemon juice
2 tbsp. grated lemon rind
1 unbaked pastry pie crust
Combine the sugar and eggs and beat well. Toss together the flour and corn meal and add to the egg mixture. Gradually add the milk, butter, lemon juice and rind. Pour into the crust. Bake in the center of a preheated 375 degree oven for 40 minutes or until the filling is set and the top is lightly browned. Photo provided by the Fryemont Inn.

La ricetta sembra molto fàcile eppure in alternativa per qualche casalinga negata negli Stati Uniti esistono già i biscottini per lo scacchista:



...stupenda idea da sgranocchiare!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...